Genova Impresa : Assemblea GGI con il Presidente Toti

Toti al Gruppo Giovani: lavoriamo insieme su marketing territoriale e modello di sviluppo

Serve un confronto costante tra pubblico e privato per lo sviluppo economico della nostra regione, tutti trovino un po’ di tempo da dedicare alla politica per recuperare credibilità e costruire la classe dirigente del domani

di Luciano Gandini, membro Consiglio direttivo Gruppo Giovani con delega alla comunicazione

 

A fine febbraio si è tenuta l’assemblea annuale del Gruppo Giovani Imprenditori di Genova. Dopo i lavori riservati ai soci durante i quali il Presidente Enrico Botte ha illustrato le attività e i risultati del 2015, ponendo le basi per un 2016 all’insegna dell’ascolto degli iscritti e del massimo coinvolgimento di tutti, ospiti di eccezione sono stati il Presidente della Giunta Regionale Giovanni Toti e l’Assessore allo Sviluppo Economico e Imprenditoria Edoardo Rixi.

Botte ha subito fatto presente alle massime autorità regionali che “la città è in difficoltà su visione e classe dirigente. Spero che il gruppo possa essere la risposta per indicare la strada per il futuro”. Proprio da questi temi Toti ha voluto iniziare, sottolineando il gap di classe dirigente politica, di modello di sviluppo e infrastrutturale che ha la nostra regione: “A voi giovani imprenditori dico costruiamo insieme nuovo modello di sviluppo per la nostra terra. E’ di fondamentale importanza recuperare credibilità e ritrovare voglia di fare politica, per questo esorto tutti, ciascuno nella sua attività, a dedicare del tempo a costruire un modello comune. Alla politica spetta il compito di costruire le condizioni per lo sviluppo: un quadro normativo chiaro, un sistema di finanziamenti e di formazione. Non è un Paese per giovani, ma la via della rottamazione non è di per sé la soluzione a tutti problemi. Gangli dirigenti del Paese sono vecchi, ma non per età anagrafica, ma soprattutto perché senza entusiasmo, senza visione, senza capacità di lettura del presente. Serve un sano confronto tra la politica, le imprese e le professioni: si rende sempre più necessario un meccanismo virtuoso e osmotico di classe dirigente. Genova e la Liguria hanno morfologicamente le condizioni per successo: basti pensare alla invidiabile posizione geografica, il know how e le imprese presenti. Non credo valga la pena di arrendersi al quieto vivere di una città con alti depositi bancari, ma scarsa attitudine a investire”.

Dopo queste considerazioni iniziali è seguito un confronto costruttivo e stimolante con i soci, toccando anche tanti argomenti di stretta attualità. Sulla Fiera di Genova l’auspicio della Regione è che torni a esercitare un ruolo di rilievo, su Erzelli l’impegno è quello di arrivare “fino in fondo, con fiducia”, e ha sottolineato il supporto istituzionale e politico dato ad Ansaldo Energia per trovare le aree a mare e riportare anche delle lavorazioni da fuori regione a Genova.

L’assemblea si è conclusa parlando di marketing territoriale. Toti ha immaginato che “sarebbe bello poter organizzare una tre regioni di “buy Liguria” dove chi vuole investire trova tutte le offerte e le possibilità, laddove oggi si trovano i capitali, a Dubai piuttosto che a Londra. Chiediamo l’aiuto di tutti per presentare un’offerta integrata per presentare la Liguria: noi stiamo facendo la nostra parte, apportando cambiamenti alle strutture delle società regionali che, tra le altre cose, dovrebbero interfacciarsi molto meglio”. Rixi ha ripreso il tema ricordando la recente legge sulla crescita varata dalla Giunta regionale “per dare un segnale sia alla struttura interna della regione sia all’esterno. Spesso i problemi sono complessi, non è solo la tassazione, ma una lunga serie di servizi e di rapporti con la P.A.: bisogna far capire al sistema pubblico che la sua funzione è generare servizi per consentire all’economia di crescere. Siamo fermamente convinti che la nostra sia una regione sottosviluppata rispetto alle sue potenzialità. Vogliamo costruire un confronto con tutti sulle leggi regionali e sui bandi, per evitare le distorsioni del sistema del passato in cui i tempi di erogazione delle misure erano troppo lunghi o uscivano bandi non focalizzati sugli interessi del tessuto economico del territorio. Dobbiamo tutti, pubblico e privato, lavorare al cambiamento”. Presente anche l’assessore Ilaria Cavo che nel momento conviviale successivo ha ribadito la disponibilità e la presenza per lavorare al meglio con i giovani imprenditori anche nel campo della formazione e della cultura, deleghe di competenza del suo assessorato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...