INNOVAZIONE: LA GRANDE SFIDA DI GENOVA

Ieri sera ho partecipato ad un incontro sul tema dell’innovazione e ho portato la visione e la proposta progettuale del gruppo giovani. innovazione come ecosistema che include novità che spingano al cambiamento totale o parziale di ordinamenti consolidati. Innovazione comprensiva di nuove dinamiche nelle relazioni sociali e organizzative e di nuovi paradigmi tecnologici in grado di consentire un nuovo approccio nelle politiche industriali del territorio. L’economia immateriale (digital, brand, design, marketing, reti retail ett.) da sviluppare in linea con l’eccellenza materiale del territorio. Innovazione come approccio per favorire il rapporto tra grande impresa, piccola e media impresa e centri di ricerca. Diversi indicatori indicano Genova come città in grado di competere sul mercato dellinnovazione : alta scolarizzazione, percentuale di ricercatori su totale lavoratori, spesa in ricerca e sviluppo, pmi innovative, grande impresa leader tecnolgica, eccellenze di ricerca. due proposte chiare: incentivare e accellerare il processo dall’ingegno all’industrializzazione e favorire la cresciimageta delle medie imprese sui mercati internazionali. Come? Allargare il concetto di “fabbrica” alla filiera completa dell’innovazione e dare spazio e occasioni ai giovani nelle imprese e collegare le giovani imprese alle grandi imprese. Iniziare a considerare il mondo una grande occasione. Perché ormai siamo già dentro l’era dell’Innovazione.

I GIOVANI E L’ECONOMIA IN CITTA’

Il cruscotto sull’economia di Genova nell’anno 2014 evidenzia dati oggettivi sui quali è possibile ipotizzare proposte – dalla prospettiva dei giovani imprenditori – per valorizzare i trend positivi, cogliere i segnali di competitività e cercare di invertire la rotta sulle dinamiche negative. Il tutto con la consapevolezza che sia necessario il “fare” rispetto alle analisi e alle strategie.

Fatta la dovuta premessa veniamo ai numeri.

In 10 anni a Genova le imprese attive sono aumentate di circa 2600 unità. Un dato positivo nello scenario complessivo di imprenditorialità del territorio. E’ evidente un lento impoverimento anche numerico delle imprese ma il trend positivo delle società di capitali mostra un altro segnale di un sistema che si sta strutturando per rispondere ad una domanda interna (sempre più debole) e internazionale più complessa e articolata.

4

Le imprese femminili del commercio risentono con grande evidenza della crisi. Su questo tema è necessario attivare subito politiche di supporto per favorire una partecipazione maggiore alla imprenditorialità locale come già evidente nel mondo dei servizi. L’imprenditoria giovanile – seppur l’anno risulta stabile – risente di un ecosistema ancora troppo debole. 3672 imprese under 35 (circa 8/9%) è un risultato inferiore alla media nazionale (10/11%).

Su questo tema – cuore delle attività del gruppo giovani – penso sia obbligatorio lanciare l’obiettivo 5000 in tre anni. #noicisiamo

Adesso. Genova – Il nuovo direttivo dei Giovani Confindustria Genova

Con questo articolo inauguriamo il CONFI.BLOG, uno strumento di comunicazione nuovo per il gruppo giovani. Un blog che intende raccontare momenti della nostra vita di imprenditori e di associati al gruppo. Siamo partiti!!! Una bellissima giornata per presentare il ns programma di attività e condividere la ns sfida. Troppi ritardi, troppe indecisioni e fin troppo silenzio riservato ai 200.000 giovani della città. Vogliamo essere una voce unica, forte e autorevole affinchè anche il popolo dei giovani trovi cittadinanza vera nella ns meravigliosa città. intro